FORSE NON SAPETE CHE – GLI EDITTI DI AŚOKA

di Simone Astarita

Gli editti di Aśoka sono delle iscrizioni in pracrito, greco e aramaico, incise su pilastri, massi e caverne in Afghanistan, Bangladesh, India, Nepal e Pakistan. 

Sono attribuiti al re Aśoka Maurya il Grande (304-232 a.C.) che, dopo aver vinto la sanguinosa guerra di Kalinga (265 a.C.), si pentì degli orrori compiuti e creò con gli editti un prototipo di diritti universali

Rifacendosi al dhaṃma (εὐσέβεια in greco), un concetto che racchiude «buone azioni, gentilezza, generosità, sincerità e purezza», difese il rispetto per la vita: proibì i sacrifici, garantì assistenza medica ai bisognosi e ordinò la costruzione di luoghi di ristoro lungo le strade. Ciò valeva anche per gli animali, alcuni dei quali divennero protetti per legge. Obbligò a trattare con dignità i carcerati, esortando all’uniformità nei giudizi e nelle punizioni. Aśoka era buddista, ma stimava tutte le religioni e promosse il confronto fra esse: «chi disprezza l’altrui credo, danneggia il proprio credendo d’esaltarlo».

Pubblicato sul numero 56 della Falla, giugno 2020

Immagine di Claudia Tarabella

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *