L’après-midi d’un Foehn

phia-menarddi Irene Moretti

Phia Ménard, artista transgender fondatrice della Compagnie Non Nova, impegnata nella declinazione della giocoleria in chiave teatrale e drammaturgica, ha presentato al Teatro Testoni di Bologna, in occasione di Gender Bender 2016, L’après-midi d’un fohen – version 1. Uno spettacolo per i più piccoli capace di toccare il cuore dei grandi.

Questa non sarà la solita recensione. Non lo sarà perché non può esserlo. E non può esserlo perché assistere a L’après-midi d’un fohen – version 1 non è stato come assistere a un qualsiasi spettacolo per bambini e bambine. L’artista francese Phia Ménard ha messo in scena un qualcosa che, a ore di distanza dalla sua visione, continua a fornirmi spunti di riflessione diversi. Proviamo a riordinare i pensieri partendo dall’inizio. Sono le 18.30 di domenica 30 ottobre quando vengo fatta scendere nella piccola sala del Teatro Testoni. Intorno a me è pieno di bambini e bambine, accompagnat* dai genitori. Sono piccoli e piccole abbonati del teatro, la ragazze che lo gestiscono conoscono ogni soldo di cacio a memoria e sono molto più brave dei genitori a far mantenere loro la calma e a non trasformare il foyer in un grande e rumoroso parco giochi. La sala è piccola, il palco non c’è. Non fisicamente almeno. Nel mezzo della sala il palco ideale è costruito con diversi ventilatori di discrete dimensioni, disposti a cerchio. Nel centro, due buste di plastica. E Phia Ménard è là, che cammina a testa bassa, le mani dietro la schiena e aspetta. I piccoli spettatori sembrano essere leggermente spiazzati da questa scena inusuale. Fanno domande. Chiacchierano. Le luci della sala si abbassano e restano quelle dei faretti disposti accanto ai ventilatori. In sottofondo vengono diffusi dei rumori, potrebbero essere quelli di una foresta di notte. Si sentono un frusciare di fronde e versi di animali. Forse grilli, forse barbagianni.

Phia Ménard si inginocchia e con fare solenne tira fuori delle forbici dal suo cappotto nero. I bambini hanno sguardi interrogativi, io mi chiedo come faccia a stare in cappotto e basco di lana nel caldo infernale del Testoni. Inizia a operare tagli minuziosi alle due buste. Sembra quasi un chirurgo mentre con le sue forbici taglia una striscia di qua, una di là, un semicerchio qui… La prima busta è scomposta. Con del nastro adesivo, con la stessa attenzione che era stata riservata al taglio della prima busta, inizia a ricomporre i pezzi di una creatura di plastica con la seconda busta. Phia Ménard è Victor Frankenstein in questo momento: assembra, con rigore quasi scientifico. I bambini ancora non capiscono cosa stia succedendo, ma osservano. A volte continuano a fare domande ai genitori. La seconda busta, con gli innesti della prima, inizia a prendere forma. Una forma vagamente antropomorfa. Phia Ménard prende tra le braccia la nuova creatura come se fosse un neonato. La culla. Sembra volerla proteggere. E poi l’accartoccia e la lascia indifesa al centro del palcoscenico. I bambini sono ancora confusi mentre la Ménard inizia con passo lento, quasi marziale, a percorrere tutto il cerchio del palcoscenico accendendo uno per uno i grossi ventilatori. “Ma che fa, mamma?” Ci vogliono diversi secondi, forse alcuni minuti – perché nel frattempo il tempo non è più misurabile secondo canoni tradizionali – prima che il piccolo con il gesso al braccio abbia una risposta. La busta accartocciata iniziata a vibrare. Trema ed è scossa da spasmi. Il mostro del dottor Frankenstein inizia a prendere vita. Non con l’elettricità, ma con l’aria. Senza che nemmeno ce ne si accorga i rumori del bosco sono diventati il piano di Debussy e senza che nemmeno si abbia il tempo di capire come o perché – anche se noi grandi sappiamo che, parafrasando una nota pubblicità, è questione di fisica – il suono della meraviglia dei piccoli invade la sala.

La creatura si è alzata in piedi ed ha cominciato a ballare. Se sia una ninfa o un fauno è difficile dirlo, ma balla. Scoordinata, seguendo le correnti e non la musica, ma è davanti a noi. Viva. Una seconda busta la segue. Più grande. Eccolo, è lui il fauno. Una terza, una quarta.Prosegue una danza a tratti sgraziata, a tratti di un’eleganza gb_logo15_colorindescrivibile. Le buste-ninfe si inseguono, volteggiano. A volte trovano una corrente ascensionale e vanno su, accompagnate dagli “oh” di meraviglia dei bambini. Perché credo che uno dei punti chiave de L’après-midi d’un foehn – version 1 sia proprio questo: la meraviglia. La meraviglia è un qualcosa che crescendo sembriamo perdere. Non siamo più capaci di meravigliarci per le piccole cose, per la bellezza che ci circonda e non riusciamo più a cogliere la meraviglia laddove, da adulti, ci convinciamo che non possa esserci: come in tre buste di plastica che danzano. E il nostro cervello ci dice che è tutta fisica. Correnti. Il nostro bambino interiore, invece, prepotentemente ci fa unire a quel coro di “oh” della piccola platea. Deve essere proprio questo il senso, mi sono detta, imparare di nuovo a meravigliarci delle piccole cose. E ne ho avuto la certezza quando Phia Ménard ha iniziato a tirare fuori dalla giacca altre buste-ninfe. La plastica antropomorfa si è moltiplicata, le buste-ninfe erano decine. In un turbinio di colori, correnti ascensionali e “oh” di meraviglia. Ma Phia Ménard ha voluto darci almeno un’altra chiave di lettura: l’uomo, inteso come genere umano, ha il talento di distruggere tutto ciò che di bello ha creato. In uno scatto di ira la Ménard inizia a pugnalare le buste-ninfe con le sue forbici. Lo stesso strumento che ha creato queste creature adesso le sta distruggendo e per stessa mano della loro creatrice. Si accanisce contro di loro la Ménard. Le sminuzza. Le pugnala. Le abbatte.

Perché è vero, noi umani a volte abbiamo l’irrazionale desiderio di distruggere tutto il bello che abbiamo intorno. Che ce ne facciamo della meraviglia se la distruzione è una costante delle nostre vite? Sminuzza. Pugnala. Fa a brandelli. Distrugge. Ma non tutto è perduto. La buste-ninfe non esistono più, ma la danza non è finita. Al loro posto centinaia di piccoli petali di plastica continuano a danzare tra le correnti d’aria. L’essere umano ha distrutto le buste-ninfe con le loro forme antropomorfe, è vero, ma non è riuscito a distruggere la bellezza e la meraviglia. Centinaia di piccoli petali continuano a ballare tra le correnti d’aria. L’essere umano le guarda, a volte nemmeno la nostra forza distruttrice può fermare la bellezza e la meraviglia. Si arrende. Continua a vedere i brandelli di plastica danzare. La piccola platea è ancora a bocca aperta. Poi i ventilatori si spengono e la plastica torna a essere plastica inerte sul pavimento del palcoscenico. Ma è troppo tardi, la magia è già successa e la meraviglia accompagnerà la platea anche dopo che le luci si saranno spente, gli applausi avranno scrosciato e ognuno sarà tornato alle propria vita.

 

gender-bender-posterPer saperne di più

Trailer de L’après-midi d’un Foehn

Il programma di danza di Gender Bender

Il programma completo di Gender Bender 2016

Il sito ufficiale di Gender Bender

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *