NOSTRA SANTITÀ – CHRISTOPHER ISHERWOOD

di Claudio Ciccotti

Lo scrittore Christopher William Bradshaw-Isherwood nacque in Inghilterra nel 1904 da una ricca famiglia di proprietari terrieri. Ostile ad accettare la sua condizione agiata, abbandonò gli studi e si trasferì a Berlino, allora animata da grande libertà sessuale.

Gli scritti di Isherwood portano traccia del legame conflittuale con la madre e dell’induismo, a cui si convertì dopo l’arrivo negli Stati Uniti nel 1939. Deciso a condurre una vita pacifista, aiutò i rifugiati europei oltreoceano e rifiutò ogni chiamata alle armi dichiarandosi obiettore di coscienza.

Fu sempre attratto dai ragazzi più giovani e meno ricchi di lui, come Don Bachardy, pittore sedicenne che rimase al suo fianco per il resto della vita, in una relazione travagliata durata trentatré anni.

Tra i suoi romanzi, Un uomo solo (riadattato per il grande schermo da Tom Ford) – dedicato all’amico Gore Vidal – e Addio a Berlino, che ispirò la commedia I am a camera, da cui fu tratto Cabaret, il musical che debuttò a Broadway nel 1966.

immagine realizzata da Riccardo Pittioni del collettivo artistico Gli Infanti

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *