LA STELE DI LESBIETTA

Vademecum per niente serio per interpretare le emoji sulle app di incontri e scoprire se è veramente la donna della tua vita

di Irene Moretti & Nena Dececiucottu

Diciamocelo forte e chiaro – soprattutto utilizzando l’alfabeto -: le emoji hanno cambiato radicalmente il nostro modo di comunicare. Se è vero che una immagine a volte può essere più evocativa e arrivare prima di una parola, è anche vero che una sfilza di immagini richiedono uno sforzo interpretativo non alla portata di tutt*.

L’Università della Falla, nell’ambito delle ricerche de Il Manuale di Zoologia fantastica lesbica, aveva individuato una categoria di lesbica meravigliosa, chiamata Tutancamion: «Butch all’ennesima potenza e dall’età media di Alda D’Eusanio. Selfie fuori fuoco, gatti, cani di grossa taglia e, ovviamente, motociclette. Talmente vecchie che potrebbero fumare le Hp». Le nostre nuove ricerche hanno smentito qualsiasi correlazione tra l’età e la tendenza a parlare per faccine e finalmente abbiamo trovato la Stele di Lesbietta – come quella di Rosetta, ma con quel pizzico di safficità che aumenta del 200 percento il malinteso – che ci ha consentito di muovere i primi passi dentro il loro modo di comunicare. 

Mike, considerando le caselline a x come segni di punteggiatura, do la soluzione! 

È polidattile.

Ama copricapi voluminosi.

Soffre di raffreddore dopo il temporale.

Ha bicipiti voluminosi grazie al costante allenamento al poligono.

È felice quando le gemelline di Shining laureate portano uno zaino a una volpe, o a una balena che ha assunto funghi allucinogeni (o oppio, talvolta). 

Ama andare a San Benedetto del Tronto sia di giorno che di notte, ma anche quando è freddo si ciba di zozzerie.

Beve prima di andare a fare surf.

È una femmina ciclotimica che sa che le prese elettriche cambiano quando viaggi all’estero (in macchina o in aereo).

È esaltata dalle radiazioni solari e da quelle dei telefoni 5g.

Cerca di inserire i DVD nel televisore della nonna

Fa bagni caldi ai libri, che poi si asciugano grazie al vento (abiterà in una zona ventosa).

È stata recentemente tradita, è andata al mare e ha beccato una insolazione.

A causa delle forti mareggiate, in aereo è bene indossare un bikini con fantasia animalier. 

Con un colpo di sole e dopo una bella bevuta, è semplice ritrovarsi a lanciare piatti come fossero palloni in yacht. Purtroppo questo crea malumore a chi fa karaoke in salotto.

Dopo una giornata, durante la quale avrebbero dovuto studiare fotografia e storia del cinema e sprecata invece nel gioco delle carte, i gatti ubriachi in fame chimica arrivano a casa e svuotano il frigorifero. Poi salgono sul tetto a guardare le stelle con le loro bambole preferite. 

E poi l’acronimo, un mai più senza:

Tempesta

Ormonale

Disegnini

Accazzodicane

Qua la storia mi pare complessa:

Gianrossella (nome di fantasia) era solita indossare occhiali scuri per celare un evidente problema oculistico. Dopo il temporale si fece coraggio e rivelò il suo sguardo al mondo [brava! n.d.A.]. Rimasero dei problemi di visione gender. Assunse, allo scopo di risolverli, un puffo calvo e una scimmietta magica: l’unico risultato fu un repentino cambio d’abito durante un’arrampicata.

La collisione con una surfista ha aggravato la questione, tanto da farle ascoltare il podcast di Michela Murgia.

Al circo, comunque, si mangia che è una bellezza (la famosa pesca tocciata nella pizza, per esempio).

È di moda e salutare praticare sollevamento pesi in canoa con il pescato, ma è bene indossare il costume ortopedico. Una volta asciugato, è piacevole viaggiare verso un campo base attrezzato nel bel mezzo di una pista da sci.

Amo tirare palloni triangolari sulle statuine di Budda.

Ho scritto un libro di storia americana. Parte un brano dei Sepoltura (vi sarebbe piaciuto Ricky Martin, eh?) ogni volta che viene aperto.

Nel bagaglio a mano Ryanair ho messo solo il necessario: un fiore, il ramen che mi è avanzato e 2 birre! Per accedere al bike sharing, in Australia è necessario diventare omosessuale e come prova hanno voluto che mi facessi la cresta.

Attenzione: emoticon giapponesi! Si leggono da destra verso sinistra.

Uomini radioattivi amano giocare ai videogame quando fuori nevica, tutti bravi a fare air guitar, prova con air violin! 

Vuoi eliminare i grassi dalla tua dieta? Chiedimi come!

Adesso anche voi potrete muovere i primi passi nel magico mondo delle donne che si esprimono solo per emonji. Scaricatevi Tinder, Wapa, Ok Cupid e Badoo. 

Cercate la donna della vostra vita e invitateci al matrimonio. 

Che fretta c’era, su Tinder è sempre primavera, che fretta c’era, di incontrarsi io e te. 

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *