PICCOLO VADEMECUM CONTRO IL RAZZISMO

PER NON PARTECIPARE ALLA VIOLENZA di Elisa Manici Siamo in un momento storico pericoloso, su questo non ci sono dubbi. A tanto così dal ripetere gli orrori del passato recente: 80 anni dalle leggi razziali non sono niente, in prospettiva. In Italia, e nell'Occidente tutto, c'è un effetto di legittimazione e rinforzo reciproci tra governi … Continua a leggere PICCOLO VADEMECUM CONTRO IL RAZZISMO

Condividi su:

COL CAZZO CHE TE LA SEI CERCATA

di Irene Moretti Novara, 25 dicembre 2019. Inspira, espira. Dolore. Guardi l’orologio: dall’ultima contrazione sono passati quattro minuti. Inspira, espira. Ne arriva un’altra e ti rendi conto che non puoi più aspettare. Inspira, espira. Due minuti. Tu non puoi aspettare e nemmeno lui. O lei. Per quanto ti riguarda potrebbe anche essere un alieno. O … Continua a leggere COL CAZZO CHE TE LA SEI CERCATA

Condividi su:

“CULTURA DELLO STUPRO, ALTROCHÈ”

di Nicoletta Landi Ci scriviamo da qualche mese, curiosi l’uno dell’altra. Ragazzo piacevole ed eccitante, a parte la solita dick pic. Siamo distanti, ma a breve ci troveremo di nuovo nella stessa città. Ho voglia di incontrarlo, mi lamento del fatto che gli smartphone stiano diventando sempre più presenti nella nostra vita sessuale: “Prima o … Continua a leggere “CULTURA DELLO STUPRO, ALTROCHÈ”

Condividi su:

COSMOPOLITAN – ASPETTANDO GODOT

LA DIFFICILE VIA DELL'ATTIVISMO IN UNGHERIA di Andrea Giuliano versione audio qui Non è vita facile quella dell’attivista, specialmente quando ci si mette in prima linea. È rischioso dichiararsi orgogliosamente antifascista, frocio, agnostico e socialista in un paese eternamente a metà strada tra negazione dell’Olocausto, maschissimo orgoglio da discendenti di Attila, bigottismo ipocrita condito con … Continua a leggere COSMOPOLITAN – ASPETTANDO GODOT

Condividi su:

IN CUCINA CON LA NONNA – E ZÒ BOTI!

di Beppe Ramina Un ragazzo malmenato a Bologna perché ritenuto finocchio. Ma se il ragazzo è dolorante, il bullo, l’idiota, l’aggressore è il perdente. Perché il ragazzo non tace, sa di non meritare quella violenza, non abbassa gli occhi, si ribella, denuncia, va a testa alta. Ha vinto lui. Qualche giorno dopo ho partecipato con … Continua a leggere IN CUCINA CON LA NONNA – E ZÒ BOTI!

Condividi su: