SYLVIA RIVERA, UNA VITA DI RIVOLUZIONI

di Pier Paolo Scarsella     Attivista trans, sex worker, drag, homeless. Raccontare quello che una pioniera come Sylvia Rivera ha rappresentato per le lotte e le rivendicazioni del nostro movimento nel corso della sua travagliata vita non è semplice.  2 Luglio 1951, Sylvia nasceva in un taxi davanti al Lincoln Hospital, da genitori di … Continua a leggere SYLVIA RIVERA, UNA VITA DI RIVOLUZIONI

Condividi su:

HOLY CAMP: LE LUCI SI SPENGONO E LE GAMBE SI APRONO

  di Mattia Macchiavelli La prima nazionale di Holy Camp, trasposizione cinematografica del musical La Llamada di Javier Calvo e Javier Ambrossi, è stata proiettata a Bologna in occasione del Festival internazionale Gender Bender. Per chi se la fosse persa, consigliamo vivamente la replica che si terrà sabato 4 novembre, alle ore 22:00, presso il … Continua a leggere HOLY CAMP: LE LUCI SI SPENGONO E LE GAMBE SI APRONO

Condividi su:

MOONLIGHT

di Elisa Manici Un racconto di formazione e di scoperta di sé delicato, poetico e universale, ma al contempo incarnato nella storia “piccola” di un ragazzo afroamericano, Chiron, che deve trovare il suo posto nel mondo e accettare la sua omosessualità nonostante le carte non facili che la vita gli smazza: essere povero, nero, e … Continua a leggere MOONLIGHT

Condividi su:

CHEMSEX: COMPRENSIONE vs. ALLARME?

di Marco Falconieri versione audio su Spreaker “Infine, la dottoressa ha fatto notare che sebbene lo studio abbia al momento evidenziato la diffusione della droga chemsex limitatamente all'interno della comunità gay, in qualsiasi momento, tale uso potrebbe facilmente estendersi anche alla comunità eterosessuale, seguendo il copione della tristemente popolare ecstasy, originariamente utilizzata unicamente in ambito … Continua a leggere CHEMSEX: COMPRENSIONE vs. ALLARME?

Condividi su:

Il tempo delle mele (e dei cristalli) a Tel Aviv: Blush!

di Irene Dioli Continua la rassegna cinematografica di Gender Bender 2016 con il primo lungometraggio di Michal Vinik. Blush (Barash) racconta la storia dell'adolescente israeliana Naama (Sivan Noam Shimon) caratterizzata da droghe, alcol, amicizie e primi amori. Il film è stato premiato come miglior lungometraggio al festival MIX di Milano 2016. Il primo amore, il primo cuore spezzato, … Continua a leggere Il tempo delle mele (e dei cristalli) a Tel Aviv: Blush!

Condividi su: