DELLE UCRONIE, O DELL’ESISTENZA DELLA FANTASCIENZA FASCISTA

COME I NOSTALGICI HANNO OCCUPATO UN GENERE NARRATIVO di Francesco Colombrita Tra i generi narrativi che hanno come tratto distintivo la manipolazione spazio temporale, volta a creare un’ambientazione in cui l’effetto di straniamento la fa da padrone, un ruolo particolare spetta all’ucronia.   Oscillando tra fantastico e romanzo storico, e basandosi sull’interrogativo da terzo periodo … Continua a leggere DELLE UCRONIE, O DELL’ESISTENZA DELLA FANTASCIENZA FASCISTA

Condividi su:

EDITORIALE #35

di Vincenzo Branà Giuseppe era un ragazzo bellissimo: quando nel 1936, in pieno ventennio fascista, fu notato dalle forze dell'ordine in compagnia del marchese Franzo, descritto dal commissariato come "persona alquanto depravata e viziosa", non poteva immaginare l'inferno a cui andava incontro. Giuseppe aveva 22 anni. Appena due anni dopo, la commissione provinciale di Roma … Continua a leggere EDITORIALE #35

Condividi su: