«Sabato due agosto ottanta nella grande camerata pressoché deserta […] la radio trasmette la solita colonna sonora di qualsiasi ora libera all’interno di un dormitorio e quindi discomiusic, canzonette del festivalbar, sceneggiate napoletane, giochini e indovinelli con un trapasso maniacale da una stazione all’altra […]…