LET’S SPEAK UP ABOUT CHEMSEX! – INTERVISTA A DAVID STUART

di Andrea Cioschi Gender Bender 2016 ha portato in Italia, in anteprima nazionale, il documentario CHEMSEX di William Fairman e Max Gogarty, prodotto da Vice a cui è seguito un incontro curato da Cassero Salute con ospiti Marco Falconieri (La Carovana onlus), Salvatore Giancane (medico del SERT di Bologna) e Giuseppe Rutigliano (Cassero Salute). Nel … Leggi tutto LET’S SPEAK UP ABOUT CHEMSEX! – INTERVISTA A DAVID STUART

Condividi su:

Paris 05:59 (Théo et Hugo dans le même bateau)

di Giancarlo Furfaro Con Paris 05:59 (Théo et Hugo dans le même bateau), interpretato da Geoffrey Couët e François Nambot per la regia di Jacques Martinau e Olivier Ducastel, continua la rassegna cinematografica di Gender Bender 2016. Il film, vincitore del Teddy Award 2016 al 66° Festival Internazionale del Cinema di Berlino, sarà in replica il 30 … Leggi tutto Paris 05:59 (Théo et Hugo dans le même bateau)

Condividi su:

CUORI IN FALLO

di Gaeta Jones e Linda Green Ciao Gaeta e Linda, sono Cataldo e il mio nuovo trombamico non vuole usare il profilattico perché dice che è un limite al rapporto sessuale mentre io voglio proteggermi da eventuali infezioni varie visto che ci conosciamo da pochissimo tempo. Aiutatemi per piacere! Mia dolcissima stella, procedi senza ambage … Leggi tutto CUORI IN FALLO

Condividi su:

SOCIAL PREVENTION: PERCEZIONE DELL’HIV NELLE CHAT PER INCONTRI

di Giuseppe Rutigliano Giovani, sesso, chat e HIV: ecco le parole chiave di molti articoli apparsi sui quotidiani italiani dopo la pubblicazione dei dati del Centro Operativo AIDS sul notiziario dell'Istituto Superiore di Sanità lo scorso novembre. In questo notiziario si osserva che l'84,1% delle diagnosi di HIV accertate nel 2014 è attribuibile a rapporti … Leggi tutto SOCIAL PREVENTION: PERCEZIONE DELL’HIV NELLE CHAT PER INCONTRI

Condividi su:

+ LIBER*!

di Giuseppe Rutigliano Sporco, pericoloso, malato, triste, emarginato, vittima, moribondo, tossico, pervertito, debole: queste sono alcune delle etichette che vengono associate alle persone sieropositive ancora oggi. Stereotipi che rendono uno stato sierologico qualcosa di cui vergorgnarsi, un marchio infamante. “Pride libera tutt*” è il motto del Bologna Pride. Libere/i da tutti i pregiudizi e da … Leggi tutto + LIBER*!

Condividi su: