carmen y lola

CARMEN Y LOLA

di Irene Russo
(regia di Arantxa Echevarria, Spagna, 2018, 103’)

La quasi totalità della rappresentazione mainstream della comunità gipsy riguarda il matrimonio: luccicante, rumoroso, esagerato, eterosessuale. Paillettes a parte, se non fosse per alcuni episodi di reality show o qualche articolo sparso nella rete, l’identità gitana verrebbe percepita come qualcosa di totalmente avulso dalla comunità LGBT+.

Carmen y LolaArantxa Echevarria smonta questa percezione con il suo primo lungometraggio, Carmen y Lola, vincitore del premio Goya come miglior opera prima e proiettato questa sera a Some Prefer Cake, partendo da una situazione a noi nota. Carmen (Rosy Rodriguez), gipsy madrilena diciassettenne, sogna, «come viene detto a ogni gitana di fare», un futuro da parrucchiera e un matrimonio con il suo promesso sposo, fino a quando non ne conosce la cugina Lola (Zaira Romeo), aspirante insegnante, writer, lesbica. L’attrazione tra le due è immediata perché Lola è «differente»: in un mondo come quello gitano, dove la donna è destinata dalla nascita a essere attraente ma casta in modo da poter adempiere il più velocemente possibile al compito di moglie e madre, Lola rifiuta di agghindarsi per essere notata dagli uomini e vede nello studio il suo strumento di potere.

L’occhio della cinepresa è delicato nel descrivere lo sbocciare lento della storia d’amore tra le due, neutrale anche nel ritrarre le discriminazioni che subiscono le protagoniste. In quanto gipsy, marginalizzate, sorvegliate «come ladri» dalla torretta di controllo che svetta sul quartiere, trattate in maniera sprezzante dai gagé (i non gitani). In quanto lesbiche all’interno della comunità: per i genitori di Lola l’amore tra le due ragazze è  «un peccato gravissimo», una voce malevola sulle bocche di tutti i vicini e un problema da sanare con gli esorcismi e  l’esilio dalla comunità.

Echevarria ha un passato da documentarista (ha diretto nel 2010 per la Tve Cuestion de Pelotas, inchiesta su calciatrici che, invece di essere assunte come professioniste, venivano impiegate come addette alle pulizie) che viene alla luce nella descrizione accurata ma priva di condanne e finisce per appiattire eccessivamente i personaggi alla trama e al messaggio del film, senza restituirne la complessità e la crescita. Carmen y Lola resta però un film da vedere sia per l’ottima recitazione degli attori, tutti esordienti, che per la domanda aperta del finale: se sia possibile immaginare per le due protagoniste (e per altre dopo di loro), un mondo in cui radici gitane e libertà di amare non debbano escludersi a vicenda.

Programma del festival 

Trailer di Carmen y Lola

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *