TRE PAROLE D’ORDINE PER CAMBIARE IL MONDO: STORIA, INTERSEZIONALITÀ E RETE

LA TERZA E ULTIMA GIORNATA DI LESBICX di Valentina Pinza Una domenica uggiosa non ha scoraggiato le tantissime lesbiche che si sono riunite al Centro delle Donne di Bologna per la terza e ultima giornata di Lesbicx - dopo gli intensi lavori del sabato, al Cassero Lgbti Center - fin dalle 9.30 del mattino, per … Continua a leggere TRE PAROLE D’ORDINE PER CAMBIARE IL MONDO: STORIA, INTERSEZIONALITÀ E RETE

Condividi su:

LA FLUIDITÀ DEL GHIACCIO SOTTILE

Intervista a Margherita Ferri di Valentina Pinza Abbiamo incontrato Margherita Ferri, regista di Zen sul ghiaccio sottile, uscito in anteprima il 28 ottobre per Gender Bender e ora in sala. Questo è il tuo primo lungometraggio, il cui soggetto vinse nel 2013 il Premio Solinas. Cosa racconta questa storia, e perché ti premeva farla diventare … Continua a leggere LA FLUIDITÀ DEL GHIACCIO SOTTILE

Condividi su:

Donna, nera, lesbica, poeta: Audre Lorde

D’amore e di lotta. Poesie scelte a cura di WIT, edito da Le Lettere, presentazione venerdì 26 ottobre, Libreria delle Donne di Bologna di Valentina Pinza La 16esima edizione di Gender Bender, Cromo Cosmi, ospita la presentazione di un’importantissima traduzione della poeta afro-americana Audre Lorde: D’amore e di lotta. Poesie scelte. Venerdì 26, ore 18, … Continua a leggere Donna, nera, lesbica, poeta: Audre Lorde

Condividi su:

SOME PREFER CAKE, NOSTRE SORELLE OUTSIDER

di Valentina Pinza “Questa rassegna di cinema lesbico, il cui titolo ci è stato ispirato dal film di Heidi Arnesen del 1997, è il nostro ben ritrovate a tutte dopo l’estate. Il cinema perché è una delle nostre passioni, oltre che uno dei veicoli principali di trasmissione, una dissolvenza incrociata tra cultura/e e storia/e.” Nel 2007 … Continua a leggere SOME PREFER CAKE, NOSTRE SORELLE OUTSIDER

Condividi su:

RAGAZZA DI PERIFERIA – COME LA TESTA SOTTO L’ACQUA

di Valentina Pinza C’era la pineta. Molta pineta, tutta da assaltare in bicicletta. Più in là la sabbia, le dune, e il mare. Soprattutto il mare frusciava, ci fosse il sole o il grigio della nebbia a confondere, sparigliare l’orizzonte. Quelle lunghe passeggiate furiose sulla spiaggia. I passi non sembravano passi erano pestate a terra, … Continua a leggere RAGAZZA DI PERIFERIA – COME LA TESTA SOTTO L’ACQUA

Condividi su: