NOSTRA SANTITA’ – JOSEPHINE BAKER

di Mattia Macchiavelli

Figlia di ex schiavi, Josephine Baker nasce a St. Louis nel 1903: nera, bisessuale, già diva. Naturalizzata francese nel 1937, da tredicenne senza fissa dimora a icona degli anni ’20 il passo è breve: prima donna nera a diventare una star internazionale, amata da Hemingway e Simenon, amica intima di Grace Kelly; è solita calcare le scene con Chiquita, il ghepardo domestico dotato di un collare di diamanti. Durante la seconda guerra mondiale partecipa alla Resistenza francese: è reclutata dai servizi segreti, si arruola nell’aeronautica militare, ottiene il grado di capitano e lavora nella Croce Rossa. Dal palco della Marcia di Washington è lei che, nel 1963, dà la parola a Rosa Parks. Dopo l’assassinio di Martin Luther King le viene offerta la leadership del movimento per i diritti civili, alla quale rinuncia per non lasciare orfani i figli. Baker, infatti, ne aveva adottati 12, provenienti da ogni parte del mondo e di diverse religioni. Li definiva “la tribù dell’arcobaleno”.

Pubblicato nel numero 36 della Falla – Giugno 2018.

Illustrazione realizzata per il blog de La Falla da Riccardo Pittioni
del collettivo Gli Infanti.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *