NOSTRA SANTITÀ – GORE VIDAL

di Francesco Colombrita

Considerato unanimemente uno dei grandi intellettuali americani dello scorso secolo, Eugene Luther Gore Vidal, ha sempre avuto il merito della sfrontatezza: ad appena 23 anni, colpito dalla perdita dell’amico di cui era innamorato, dà alle stampe La statua di sale, opera che rompe il tabù dell’omosessuale non stereotipato nella letteratura del ‘900; nel ‘68 racconta la storia di Myra Breckinridge, transessuale fuori dagli schemi; si candida al congresso nel ’60 come gay dichiarato; critica aspramente le derive imperialiste degli USA e dedica molti anni alla stesura di romanzi storici che ricostruiscono la storia del paese. Una vita spesa nel confronto e nel conflitto, con l’orgoglio della piena coscienza di sé e dell’impegno che occorre per costruire un domani migliore.

Pubblicato sul numero 28 de La Falla – Ottobre 2017. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *