MERCURIAL GEORGE

mercurialgeorge

Gender Bender ospita il lavoro di Dana Michel, coreografa e performer canadese, ritratto di una creatura che vive ai margini della società, immersa in un universo personale fatto di detriti, accumuli di oggetti, ingenuità fanciullesca e sacro mistero. L’1 e il 2 novembre all’AtelierSì

di Antonia Cassoli

Dana Michel entra in scena di nascosto, strisciando dalla tua sinistra fino a uno spazio scenico già sezionato per diversi momenti performativi. È un corpo animalesco che striscia e scatta, emette fonemi semi-comprensibili, si guarda intorno e cerca di interagire con l’ambiente ma sembra intrappolato, limitato. Il silenzio del pubblico è totale nei lunghissimi minuti in cui cerca di interpretare i suoi gesti, dar loro nomi e forme intellegibili in uno sforzo che sembra immane nella ricerca di una collocazione scenica.

E finalmente ti accorgi che è quello stesso corpo che sta cercando di trovare il suoMercurialGeorge_1_JocelynMichel posto nel mondo, in uno spazio pervaso di scarti, oggetti e cibo che saltano fuori da un sacco nero come fosse un cappello a cilindro scarico della proverbiale magia.

Mentre si sposta da uno spazio performativo all’altro, la performer indaga la sua identità di donna nera trasformandosi e plasmandosi, entrando e uscendo da quelle figure che stanno ai margini della società e rendendone grottesche ma micidiali le ossessioni, le parole e le caratteristiche fisiche.

Dal basso della strada, dove la cura di oggetti insignificanti sembra essere l’unica, assillante, ragione d’esistenza, fino all’alto di un podio presidenziale – oscuro e illusorio simbolo di potere – in cui è un discorso autorevole e incomprensibile a occupare lo spazio scenico.

dl_tia_dana_michel_mercurial_george_18.08.2016_mg_7573L’investigazione dell’identità attraverso le radici è un fatto personale che può diventare collettivo a patto di lasciarsi coinvolgere nella reiterazione del gesto del corpo e accettando la stereotipazione dei simboli della comunità.

Restiamo sempre spettatori davanti a un palco, e non è un caso che tra i numerosi accenni di canzoni emerga una versione urlante e straziata di Feeling good, brano portato al successo dall’emblematica Nina Simone ma scritto originariamente per una pièce teatrale il cui titolo, The Roar of the Greasepaint – The Smell of the Crowd, gioca semanticamente con il vissuto esperienziale degli attori in scena.

Accompagnamento Link

 

 

 Scheda dell’evento 

Programma del giorno 

Programma del festival 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *