IN CUCINA CON LA NONNA

LA MEMORIA NON È UN RICORDO

di Beppe Ramina

Spesso chi abita Bologna venendo da altre città se ne innamora. È successo a me, che pure sono certo che nessun luogo sia paragonabile alla natia Romagna. È una miscela di dialogo e conflitto, di 100.000 universitari che portano idee, modi e corpi giovani, dell’essere anche geograficamente crocevia tra popoli, commerci, culture, di donne libere e combattive. Anche i più arrabbiati non si schiodano: la vorrebbero migliore.

Il 5 dicembre, il sindaco Virginio Merola ha consegnato a Franco Grillini il Nettuno d’Oro. Credo sia la prima volta che un Comune italiano assegni un riconoscimento tanto importante a un attivista del movimento LGBT+. Premiando Franco, Bologna ha riconosciuto a sé stessa un’identità plurale: si è autopremiata.

Anni fa, un burlone stampò una cartolina dove alla statua del Giambologna, preoccupata dalla comparsa dei busoni, venivano messe mutande di ferro sulle belle chiappone. Ora – la vita è piena di sorprese! – il Gigante sta a casa di Franco che, commosso, ha dedicato quel premio a tutte le persone LGBT+, alcune non sono più con noi, che si sono battute per una libertà che è di ognuna e di tutte.

Perché quel riconoscimento non ci sarebbe stato se Bologna negli anni non si fosse arricchita di tante espressioni, a volte tra loro conflittuali, del movimento di liberazione; se tante e tanti giovani attivisti non avessero riempito la scena e rinnovato linguaggi, riflessioni, impegno, modalità espressive. Senza di loro, le lotte iniziate oltre 40 anni fa ora sarebbero ricordo, non memoria.

pubblicato sul numero 41 della Falla, gennaio 2019

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *