freedom, we write

la-falla-16-cover-freedom

della Redazione

L’esercizio collettivo della scrittura della libertà passa per il salto che noi, tutte e tutti, facciamo sullo strumento di lotta del nostro orgoglio. Siamo nella rapsodia dei balzi, esistiamo in quell’imbrattare di colore la monocromaticità di ogni oppressione; ci autodeterminiamo nel ticchettio inesausto dei tasti che compongono e che ci compongono. Freedom, we write e lo scriviamo come movimento, come comunità capace di riassumere in sé stessa la cangiante meraviglia di una diversità polimorfa e polisensa. Vogliamo scrivere, scriverci e inscriverci nella fisicità dei corpi che testimoniano le nostre transizioni; nello spazio fisico di una piazza che per sua natura deve includere e aprirsi al dialogo; nello spazio pubblico di un Paese che timidamente comincia a parlare la nostra lingua. Usciamo, allora, da noi stessi, senza paura della babele che siamo e che testimoniamo: saltiamo nel mondo gridando le nostre lettere, ridendole, piangendole, giocandole nelle infinite declinazioni del cambiamento. Ad ogni salto aumentiamo la forza per imprimere con ancora più decisione quelle lettere: Freedom, we write.

Jessica Fletcher scriveva di morte e ne scriveva al passato; noi, ed è nel nostro DNA, ci insinuiamo in questa dinamica mortifera per spaccarne i confini: risignifichiamo i modelli precostituiti, ribaltiamo il tavolo, scriviamo di vita e facciamolo al presente; in un eterno presente. Troppo frivolo scomodare La signora in giallo per una causa così importante? Qualcuno, più illustre di noi, una volta ha scritto: ‹‹È dall’ironia che comincia la libertà››.

pubblicato sul numero 16 de La Falla – giugno 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *